Monferrato, Patrimonio dell’Umanità

Langhe-Roero e Monferrato sono stati riconosci per il loro paesaggio vitivinicolo Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2014.

Distese collinari a perdita d’occhio, antichi borghi e castelli arroccati, un susseguirsi di dolci pendii coltivati a vite i cui filari disegnano rigorose geometrie: sono questi i magnifici scenari delle Langhe, del Roero e del Monferrato.

Vorremmo farvi scoprire i silenzi di questa terra,
i silenzi che vi saranno raccontati dalle passeggiate tra i boschi e i vigneti.

Vorremmo farvi ritrovare
gesti antichi e naturali, lontani dalla tecnologia, legati alle leggi che regolano la vita della campagna.

Qui il lavoro diventa poesia, perchè si esprime nell’accordo tra le nostre fatiche, la concretezza della terra, i prodotti semplici e genuini che ne otteniamo.

Splendide zone vitivinicole del Piemonte che con i loro paesaggi modellati dall’azione combinata della natura e dell’uomo costituiscono un esempio eccezionale di interazione umana con l’ambiente e si estendono in un vivace gioco di profili, modulati dal mutare delle stagioni e rappresentano la qualità eccezionale del paesaggio piemontese e della sua profonda e viva cultura del vino. 

I meravigliosi paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato sono il fiore all’occhiello internazionale del Piemonte e sono diventati Patrimonio Mondiale Unesco come “…una eccezionale testimonianza vivente della tradizione storica della coltivazione della vite, dei processi di vinificazione, di un contesto sociale, rurale e di un tessuto economico basati sulla cultura del vino”

Un sito esteso, che vuole tutelare l’insieme geografico-sociale e culturale di una zona tra le più integre d’Italia, dove da secoli il territorio viene plasmato dall’uomo e dalla coltivazione della vite.

Un riconoscimento quindi non solo alla geografia e alla bellezza del territorio, ma anche alla storia e alla maestria dei piemontesi.

La nostra tenuta

I nostri vini

la nostra filosofia